IL PADRE

Nonostante la sua età, Andrea è un uomo molto attivo ma mostra i primi segni di una malattia che potrebbe far pensare al morbo di Alzheimer. Anna, sua figlia, che è molto legata a lui, cerca solo il suo benessere e la sua sicurezza.

L’inesorabile avanzare della malattia la spinge a proporgli di stabilirsi nel grande appartamento che condivide con il marito. Lei crede che sia la soluzione migliore per il padre che ha tanto amato e con cui ha condiviso le gioie della vita. Ma le cose non vanno del tutto come previsto: l’uomo si rivela essere un personaggio fantastico, colorato, che non è affatto deciso a rinunciare alla sua indipendenza. La sua progressiva degenerazione getta nella costernazione i familiari, ma la sapiente penna di Zeller riesce a descrivere una situazione che, seppur tragica per la crescente mancanza di comunicazione causata dalla perdita di memoria, viene affrontata con leggerezza e con amara e pungente ironia.

venerdì 27 ottobre | ore 21:00

sabato 28 ottobre | ore 21:00

domenica 29 ottobre | ore 16:00

Goldenart production

Alessandro Haber, Lucrezia Lante Della Rovere e con David Sebasti

di Florian Zeller

e con Daniela Scarlatti, Ilaria Genatiempo, Riccardo Floris

regia Piero Maccarinelli

La durata dello spettacolo è di un'ora e trenta minuti senza intervallo

Hashtag ufficiali

#ilpadre

InteroRidottoMini
Platea29 euro26,50 euro23,50 euro
Prima galleria e palchi25 euro23 euro20,50 euro
Seconda galleria20,50 euro18,50 euro16,50 euro

Biglietteria

dal martedì al sabato, dalle 15 alle 19 e da un’ora prima l’inizio degli spettacoli.